Quantcast

Marche Vacanze

maggio 7th, 2013

Le principali attrazioni di Cattolica

Postato da aletave 3:11 pm Archiviato in: Italia

cattolicaNon lontana dalle Marche, è facilmente raggiungibile Cattolica, una località turistica della riviera romagnola, una delle mete più ricercate dai visitatori di ogni provenienza ed età, in quanto offre una serie di attrattive uniche. La cittadina organizza eventi, spettacoli ed eventi; è nota per le stupende spiagge, le prelibatezze gastronomiche ed enogastronomiche, il Museo della Regina e i monumenti storici.

Nel 2011 Cattolica ha ottenuto la Bandiera Blu come riconoscenza per le acque nitide e i servizi offerti nel rispetto dell’ambiente delle località costiere.

Affascinante è il lungomare, che presenta una struttura di legno che permette di godere del paesaggio marino.

Importanti sono il Porto e  la Rocca,  costruita nel 1491 per esercitare il  controllo  del commercio di imbarcazioni clandestine; la Casa di Guglielmo Marconi, dove vi soggiornò dal 1893 fino al 1895; Piazza de Curtis, Piazza Primo Maggio, detta delle Sirene, Piazza Nettuno, la più centrale,  Piazza del Mercato, dove giornalmente viene adibito il mercato coperto. Troviamo, inoltre, il Palazzo del Municipio, costruito nel 1933 durante il periodo fascista.

Altre attrazioni di rilevanza sono il Palazzo del Marchese Borsellino, la Chiesa Sant’Apollinare, che risale al 1782 dall’opera del capomastro riminese Gaetano Cupioli, all’interno della quale è conservato il S.S. Crocifisso.

Il Museo della Regina di Cattolica presenta al suo interno due sezioni principali: archeologica e marinara. Nella prima si possono osservare i resti di un borgo risalente all’età  romana-repubblicana, nella seconda sono esposti modelli di imbarcazioni di ogni tipo e periodo storico.

Infine, l’Acquario di Cattolica, ospita una varia gamma di specie animali marini e terrestri: squali, tartarughe, meduse, pinguini. Lo squalo toro presente è una specie posta ai vertici delle catene alimentari marine e possiede l’apparato scheletrico cartilagineo, che lo rende leggero, flessibile ed idrodinamico.

gennaio 20th, 2011

A Rimini il Carnevale è più divertente!

Postato da Andrea 3:25 pm Archiviato in: Generale,Hotel,spettacoli

Ormai i banchetti natalizi sono già un ricordo ed ora la prossima occasione per divertirsi e stare in compagnia è il Carnevale dove tutti si travestono e partecipano a feste in piazza e nei locali.  Molte persone stanno già cercando la maschera più originale da indossare per stupire e divertire gli amici.

La provincia di Rimini offrirà anche per quest’occasione  un mix esplosivo di intrattenimenti legati alla tradizione del territorio dove si potranno assaporare i genuini dolci tipici di questa festa prima di entrare in Quaresima.

A Rimini  nella centrale Piazza Tre Martiri ci sarà la festa Color Coriandolo che  dove l’amministrazione comunale ha organizzato musica e spettacoli e stelle filanti per tutti i bambini per il martedì ed il giovedì grasso.

Personaggi storici,  creature della  mitologia, travestimenti  tradizionali, personaggi fiabeschi e di fantasia invaderanno le vie del centro storico dando vita ad un’atmosfera gaia e solare. Rimini verrà quindi colorata da migliaia di coriandoli e  lunghe stelle filanti che contribuiranno a creare l’aria di festa divertendo i bambini e gli adulti che mascherati dimenticheranno per un giorno la quotidianità.

Il centro sarà pervaso anche dall’inebriante profumo dei dolcetti fritti tipici della festività come i fiocchetti, le chiacchiere, le castagnole e i bomboloni.

L’amministrazione comunale ha inoltre previsto la partecipazione di acrobati e saltimbanchi per dar vita ad un Carnevale di tutto rispetto approderanno nella piazza grande di Rimini per divertirsi insieme alle tante famiglie che verranno a conoscerli.

Domenica 14 febbraio alle ore 15.00 in Piazza Cavour ci sarà lo spettacolo gratuito Salti e Lazzi che rievocherà la commedia comica dell’arte popolare riproposta in piazza. Sarà sicuramente uno spettacolo esilarante con le situazioni tipiche dove all’amore di due giovani si oppone la testardaggine di degli anziani ed un capitano coraggioso riesce a sciogliere la situazione. Durante la manifestazione il pubblico sarà attratto dai travestimenti, dalle acrobazie e dalla rapidità delle azioni.

Tra le più importanti feste in piazza di Carnevale per questo 2011 nella provincia sicuramente troveremo:

A Bellaria Igea Marina le parrocchie allestiranno i carri per partecipare al concorso indetto e ci sarà una grande festa presso il Dancing Rio Grande. Alcuni hotel 3 stelle stanno preparando il grande veglione mascherato. Presso il palazzo dei congressi si svolgerà il gran ballo in maschera dove le dame indosseranno eleganti vestiti in seta tipici dell’800 ed i cavalieri il frak. Con l’accompagnamento  musicale de l’ Uva Grisa i partecipanti balleranno sino a tarda notte i balli popolari.

Il grazioso borgo di Sant’ Arcangelo  di Romagna festeggerà in maschera il 20 febbraio con un grande sfilata di carri allegorici e la nuova edizione del Corso Mascherato.  Nella Piazza Ganganelli  ci saranno assaggi gratuiti di dolci, cioccolata calda e vin brulè. alle 14.30.

Nell’entroterra a Civitella di Romagna il paese si riempirà di bancarelle, musica, divertimento e le maschere per l’occasione rievocheranno i personaggi della tradizione come  Arlecchino, Stenterello, Colombina, Balanzone e Brighella.

Nel paese famoso per le scarpe  San Mauro Pascoli i bambini delle scuole elementari sfileranno allegri in un corteo che seguirà i carri indossando la maschera del loro cartone animato preferito. Il carnevale 2011 in Riviera sarà sicuramente un vero spasso e divertirà grandi e bambini.

I ragazzi potranno sicuramente scegliere di trascorrere il Carnevale in uno delle tante feste organizzata nei locali notturni della riviera Romagnola.

Non si può quindi perdere l’opportunità di trascorrere un Carnevale unico a Rimini!

settembre 15th, 2010

Itinerari tra le colline marchigiane: pian della Gardosa

Postato da mat-promotional 9:16 am Archiviato in: Parchi

La gran parte dei turisti che arrivano nella regione delle Marche vengono indirizzati verso gli itinerari collinari e montani. Le colline, infatti, sono tante e tutte verdeggianti ed apprezzate, così come lo sono anche i – pochi per la verità – monti che caratterizzano questi territori, primo fra tutti il monte Conero. Quest’ultimo, attraverso la riserva naturale situata al suo interno, permette, una volta raggiunta la vetta, di godere di una splendida visione del mare Adriatico, e di una parte dei 140 chilometri che caratterizzano la costa marchigiana.
Le varie località che simboleggiano questa regione sono tutte all’interno del catalogo di Marche Country Homes, un’azienda che opera in qualità di intermediario nella vendita di rustici, appartamenti, aziende agricole, terreni, casolari nelle Marche, ai quali i clienti possono punture con la garanzia di un partner serio e affiadabile.
Tante sono, poi, le zone riservate ai percorsi naturali, alle passeggiate immersi nel verde. Esempio calzante è il pian della Gardosa, uno dei punti più belli della zona di montemonaco, ed inizia dal piccolo paese di Foce per raggiungere i piedi del Monte Vettore, dal quale inizia il sentiero per raggiungere il Lago di Pilato.
La piana può essere percorsa sia a piedi che in macchina, a seconda dei propri scopi; se si tratta solo di una passeggiata piacevole e non c’è intenzione di arrivare al lago (dal piano al Lago di Pilato sono circa 2 ore e mezza) possiamo farla tranquillamente a piedi, osservando le meraviglie naturali che ci troviamo davanti.
Seguendo infatti l’ampia strada, alla nostra destra avremo subito la fiancata del monte Sibilla e degli altri monti a lui vicini; quindi vedremo pareti di roccia, boschi che scendono a picco fino alla vallata, radure molto spesso irraggiungibili a causa della pendenza.
Sulla nostra sinistra, invece, si trova una grande valle, prima del versante settentrionale del monte Vettore, e in questi ampi prati avremo la possibilità, volendo, di sedersi sui prati e fare un pic-nic per riposarsi durante la nostra passeggiata, oppure di raccogliere fiori tipici della vegetazione alpina, o ancora semplicemente osservare il sole scomparire tra i due monti all’interno della valle: una giornata, od una metà giornata, in questo luogo, e non ve ne dimenticherete più.

agosto 2nd, 2010

Carnevale di Fano, il più antico d’Italia

Postato da Andrea 1:09 pm Archiviato in: Pesaro Urbino,spettacoli

Le Marche rappresentano una delle terre italiane maggiormente amate dai turisti, perché in grado di ‘mischiare’ al suo interno un gran numero di fattori turistici da ammirare: basta pensare allo splendido mix tra mare e montagna, che passa per località come Porto Recanati, Ancona, Porto San Giorgio, Numana e tante altre, e che trova il suo punto più alto – non solo in senso figurato, bensì anche nella realtà tangibile – con la vetta del monte Conero, la più alta della regione, protetta da una riserva naturale, ed in grado di offrire una visione davvero eccezionale di almeno una parte della fascia costiera, estesa 140 chilometri, che vede le terre marchigiane affacciarsi sul mare Adriatico.

Ma la regione delle Marche non è fatta solo di natura e paesaggi, pur essendo impossibile dimenticare quest’ultimo aspetto. Infatti, in terra marchigiana trovano spazio anche numerose tradizioni, come, ad esempio, il fantastico Carnevale di Fano, uno dei più famosi ed amati di tutta la penisola italiana, oltre che un evento dalle origini storiche davvero fortissime.

Il Carnevale di Fano è il più antico d’Italia; il primo documento noto nel quale vengono descritti festeggiamenti tipici del Carnevale nella città, risale al 1347. Il getto è, senza dubbio il punto di forza del Carnevale di Fano. Ogni anno quintali di caramelle e cioccolatini piovono dai carri allegorici durante le sfilate. Un altro elemento assolutamente originale del Carnevale fanese è il caratteristico pupo, detto “vulon”. Si tratta di una maschera che rappresenta sotto forma di caricatura i personaggi più in vista della città e che insieme alla “Musica Arabita” vanta una lunga tradizione nella storia del Carnevale di Fano. Quest’ultima è una spiritosa banda musicale, nata nel 1923, che utilizza strumenti di uso comune quali barattoli di latta, caffettiere, brocche per produrre un’allegra musica, in perfetta sintonia con il clima allegro e spensierato del Carnevale. Le sfilate dei carri allegorici, tradizionalmente realizzati in cartapesta dagli abili maestri fanesi, si concludono con un giro assolutamente suggestivo: quello della luminaria, una vera e propria festa di luci e colori.

Amato da molti, il Carnevale di Fano è un buon motivo per innamorarsi delle Marche, e decidere di acquistare qui, addirittura, una delle tante Case Marche, scegliendo tra una di quelle ‘catalogate’ da Marche Country Homes, portale leader nel settore della vendita di immobili in questa regione.


Mouse Eye Tracking byPicNet Software Development Services